Scuole di Eish Shaok

Genova

Genova / Italia

Lezioni: tutti i martedì

Ceriale

Ceriale / Italia

Lezioni: tutti i giovedì

Milano

Milano / Italia

Lezioni: tutti i lunedì

Vicenza

Vicenza / Italia

Lezioni: lezioni quindicinali

Bologna

Bologna / Italia

Lezioni: tutti i martedì

Roma

Roma / Italia

Lezioni: lezioni quindicinali

Livorno

Livorno / Italia

Lezioni: lezioni quindicinali

Brema

Brema / Germania

Lezioni: seminario mensile

Bruxelles

Bruxelles / Belgio

Lezioni: seminario mensile

Quando a colpirti è chi ti sta accanto

Questa mattina leggo le vostre domande e trovo questa: “Caro H. David, le persone che mi sono più vicine scaricano su di me ogni peso e frustrazione. Ci sono giorni in cui penso che si approfittino del mio amore. Puoi dirmi perché questo accade? Che dovrei fare?”.

Iniziamo da qui, è necessario che tu comprenda questo: la maggior parte degli esseri umani nasce con un carico emozionale ereditato, in parte derivante dalle vite passate, in parte dalle generazioni che lo hanno preceduto. Si aggiunge a questo ‘dono’ il vuoto educativo del nostro tempo: hai un intero Universo dentro di te e nessun libretto di istruzioni, sei lasciato solo ad occupartene.

Dici: “Ci sono giorni in cui penso che si approfittino del mio amore”. Hai ragione, e anche se ti sembra assurdo, in realtà, è perfettamente logico. Le persone infatti temono il dolore che hanno dentro, non sanno cosa farsene, non sono in grado di attraversarlo, e così decidono di scaricarlo all’esterno. Qui però sorge un problema: se lo facessero apertamente potrebbero essere isolate; la nostra società non ama le ammissioni sincere, non sopporta il dolore, se non per il tempo di una notizia. Ed è così che il luogo in cui scaricare i propri pesi diviene quello privato. Ma non puoi sfogarti con le mura di casa, ti sentiresti ridicolo, e allora lo fai con le persone che ti sono vicine: sai che loro probabilmente non scapperanno, che ti ascolteranno, che il loro amore accoglierà il tuo cuore ferito. Ecco cosa accade.

Cosa fare? Comprendi come funziona, ammetti a te stesso di avere partecipato a questo scambio di dolore e di fatica. Sentirai che differenza quando saprai ‘vedere’ chiaramente quello che accade in te e in loro. Dopodiché avrai solo due possibilità: continuare a colpire e incassare come un pugile per tutta la vita, oppure smetterla di buttare via il tuo carico, cominciare ad occupartene, e farti trovare pronto quando ti arriverà anche quello degli altri. Perché, forse ancora non lo sai, ma se percorrerai un cammino di trasformazione interiore tutto il mondo ti verrà a cercare per ‘affidarti’ il suo dolore. E alcuni ti chiederanno: “Perché accade? Cosa possiamo fare?”

In questo caso, allora, imparerai come mostrare compassione davanti alla loro rabbia, integrità dinanzi al dolore, volontà di fronte alla resa. E questo renderà il tuo esempio dolce come una carezza, la tua presenza calda come un abbraccio.

Accadrà un miracolo: tu che non sopportavi nemmeno il tuo carico e che ora sai sostenere anche il loro, continuando a camminare serenamente.

Un abbraccio devoto

David Simurgh
David Simurgh

Responsabile europeo per la "Eish Shaok International Association". Si occupa di diffondere i principi del risveglio spirituale attraverso la sua attività di Maestro, conferenziere e scrittore. Ad oggi è autore dei tre primi libri sul percorso Eish Shaok: " Vi parlerò di loro I- In Principio", "Vi parlerò di loro II- Nella Dimora Celeste" e " Al di là di te stesso". I libri sono ordinabili qui: ilgiardinodeilibri.it.

Articles: 337

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *