Le candele nel monastero

Un amico monaco dell’est Europa mi ha raccontato in questi giorni di come il suo monastero sta affrontando le spese aumentate per le bollette. Ogni sera si spengono le luci e si accendono candele nei luoghi di ritrovo e preghiera.

I suoi fratelli non ne sono entusiasti, ci sono molte lamentele sulla situazione mondiale, sulle decisioni dei governi, riguardo la poca attenzione per la comunità. Lui però ha settant’anni e mi dice: “Quando sono diventato monaco non avevamo corrente elettrica, e quasi nessun’altra comodità. Ogni sera accendevamo le candele e tutto il monastero si riempiva di pace profonda. Le nostre preghiere, i nostri cuori si immergevano in Dio senza resistere. Ora osservo questi giovani chiacchierare, e mi chiedo se tanti anni di luce non li abbiano resi ciechi ai doni che ci fa incontrare il cammino.”

Quanto ha ragione. Ogni avversità che la vita ci mette davanti tocca i nostri cuori e ne pesa la speranza e la paura. Così che ognuno possa considerarsi punito dal suo destino o messo in condizione di realizzarlo.

Ricorda questo: più il tuo Cuore si apre più Bellezza sei in grado di vedere nel mondo, e più Bellezza sarai in grado di vedere più il tuo Cuore si aprirà.

Un abbraccio a lume di candela

Un dono per trasformare le paura di questo periodo:
Come trasformare la paura in desiderio: https://youtu.be/GwbUYgpjuLQ

David Simurgh
David Simurgh

Responsabile europeo per la "Eish Shaok International Association". Si occupa di diffondere i principi del risveglio spirituale attraverso la sua attività di Maestro, conferenziere e scrittore. Ad oggi è autore dei tre primi libri sul percorso Eish Shaok: " Vi parlerò di loro I- In Principio", "Vi parlerò di loro II- Nella Dimora Celeste" e " Al di là di te stesso". I libri sono ordinabili qui: http://www.ilgiardinodeilibri.it/autori/_haidehoi-david-simurgh.php

Articles: 185

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *