Blog

Marco Giampaoli

Mi sono avvicinato all’Eish Shaok in punta di piedi, perché in realtà non sembrava stessi cercando la spiritualità. Poi, piano piano mi ha emozionato sempre di più, entrando a far parte della mia quotidianità. La paura e la curiosità di capire chi sono veramente nelle parti più profonde di me e iniziare un lavoro sulle mie insicurezze si sono amalgamate perfettamente in un viaggio affascinante, tortuoso, fatto di meditazioni intense, di empatia e sorrisi sinceri. Sentire letteralmente la mia energia scorrermi dentro è ascoltare la vita che mi accarezza.